Bufala dei 5 morti in Ucraina per i vaccini covid

Bufala dei 5 morti in Ucraina per i vaccini covid

La bufala riguarda 5 fantomatici morti in Ucraina, a causa dei vaccini anti covid testati dagli americani su 15 persone usate come cavie.

Il messaggio che ultimamente sta girando sui social è allarmante: “Cinque cittadini ucraini morti dopo che gli è stato somministrato vaccino americano sperimentale contro il corona virus“. Una notizia che, se fosse vera, verrebbe rimbalzata su molti quotidiani, soprattutto quelli ucraini (vedi quotidiani ucraini). Tuttavia non c’è la benché minima traccia di tale notizia. Disattenzione? Oppure è un segreto talmente importante che non dev’essere pubblicato? No! Semplicemente è una bufala la notizia riguardo i 5 morti in Ucraina per i vaccini covid.

«Lo ha affermato Alexander Mazeikin»

L’unico ad essere citato in decine di siti e blog fuffari, come fonte autorevole, è Alexander Mazeikin. La sola cosa vera di questa bufala è che Mazeikin è realmente il portavoce delle forze di polizia ribelli di Luhansk. Tutto qua! Tuttavia l’unico intervento di Mazeikin alla stampa estera è del 2017, su Euraktiv: importante rete mediatica belga, specializzata nelle politiche dell’Unione Europea.

Durante la conferenza stampa il portavoce delle forze di polizia di Luhansk riferì alcune dinamiche riguardo la morte di un paramedico statunitense dell’OSCE, il quale perse la vita passando con la sua auto sopra a una mina (vedi art BBC). Non ci sono altre dichiarazioni sensazionali rilasciate a giornali esteri, almeno negli ultimi 15 giorni.

Odore di bufala sui 5 morti in Ucraina per i vaccini covid

Bufala dei 5 morti in Ucraina per i vaccini covid
Foto di repertorio

Come detto in precedenza: non c’è un solo quotidiano che riporti la notizia dei 5 morti in Ucraina per i vaccini. Gli unici a raccontare di questo fattaccio sono solo siti cospirazionisti, come il famoso News Front (vedi art), un ricettacolo di mala informazione da tempi remoti. Ma non solo. Anche il blog russo Stalker/Zone scrive quasi le stesse identiche cose del suo collega di bufale News Front, o viceversa — il comodo e pratico copia e incolla — (Vedi art tradotto).

In entrambi gli articoli non viene fornito il benché minimo elemento per appurare la veridicità del fatto. Non sono citati nomi di persone (se non quello di Alexander Mazeikin). Tantomeno non è menzionato nemmeno il nome dell’ospedale in cui sarebbero state portate tutte le altre persone utilizzate come cavie. Non c’è il nome del gruppo di appartenenza dei soldati, di un militare responsabile, di un politico o di un medico. Molto strano per una notizia del genere.

I racconti sono identici, coincidenza?

Nella regione di Kharkov, quattro soldati UAF sono morti dopo aver testato il vaccino americano COVID-19. Lo ha riferito un addetto stampa della Milizia popolare della LPR Aleksandr Mazeikin. Secondo l’LPR, nella regione di Kharkov i virologi americani stanno testando un vaccino contro il coronavirus COVID-19 . 15 persone sono state selezionate per le prove, tra cui 10 militari ucraini. Durante la ricerca, 8 soggetti sono stati trasferiti al pronto soccorso e tre di loro sono stati supportati da dispositivi di ventilazione artificiale.

Dal sito Stalker/Zone

Per il sito cospirazionista statunitense News front, le vittime invece sarebbero cinque:

15 candidates were selected for testing an innovative medicine and vaccine, including 10 soldiers of the Armed Forces of Ukraine who became ill with coronavirus. In the course of the research, eight rezuko patients deteriorated and were transferred to intensive care. Three people were connected to ventilators, – said Mazeikin, – As a result, five patients, including four military personnel, died from complications caused by the infection.

Dal sito News front

Dove nasce la bufala in Italia?

Bufala dei 5 morti in Ucraina per i vaccini covid
Immagine condivisa su Facebook de: La Padania

A far diventare virale la bufala dei 5 morti in Ucraina per i vaccini covid è la Nuova Padania: noto quotidiano per nulla nuovo nel diffondere fake news. Sappiamo bene che il lavoro di fact checking è la parte più difficile del giornalismo. Sappiamo anche che molte volte non viene praticato appositamente in alcuni giornali, per politiche interne. Tuttavia cambiare qualche parola non avrebbe distorto il concetto di mala informazione ma perlomeno li avrebbe resi più originali. Qui un pezzo dell’articolo, identico agli altri due precedenti:

15 candidati sono stati selezionati per testare medicine ed un innovativo vaccino, inclusi 10 soldati delle Forze Armate ucraine, ammalate di Coronavirus. Nel corso della ricerca, 8 pazienti hanno peggiorato le loro condizioni e sono finiti in terapia intensiva. Tre persone sono state collegate ai respiratori, dice Mazeikin, come risultato, 5 pazienti, tra cui alcuni dei militati, sono morti per complicazioni causate dall’infezione.

Dal quotidiano La Nuova Padania.

Progetti vaccinali in Ucraina?

La bufala con tutta probabilità nasce dalle parole del presidente ucraino Volodymyr Zelens’kyj, il quale un mese fa dichiarava che: “L’Ucraina attualmente non fa parte di alcun progetto di vaccinazione, né sta testando potenziali vaccini sull’uomo. Ciò significa che il Paese dipenderà fortemente dall’aiuto straniero” (vedi art). Prendendo l’ultima frase, qualcuno ha pensato bene di diffondere l’ennesima e pericolosa fake riguardo eventuali vaccini per il coronavirus.

Please follow and like us:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: