Crea sito

Chi è Rosario Marcianò

Chi è Rosario Marcianò

Il più noto sciachimista d’Italia, tra farneticazioni, denunce e false-flag, torreggia sui complottisti d’antan. Ecco chi è Rosario Marcianò

Spiegare chi è Rosario Marcianò è superfluo, almeno per chi naviga da tempo in gruppi anti fake. Per molti è conosciuto come “Coso”, soprannome coniato per non citarne il nome affinché una sorte bastarda non cada addosso al malcapitato. Per altri è semplicemente “Rosy”, per altri ancora è “Strakypuppa”. Rosario però è un buon incassatore, per cui quando trova il tempo per districarsi dal complesso labirinto delle querele, delle raccolti fondi e vendite di lampade, risponde a tono ai suoi detrattori.

Da anni disinforma con pseudonotizie, avvalendosi della pseudoscienza, con una pseudoconnessione zoppicante a causa di uno pseudostipendio. In termine tecnico le notizie da lui divulgate si chiamano fuffa. La sua specialità sono le catastrofi, per cui in questi anni ha diffuso una marea di sciocchezze a partire dall’11 settembre, incidenti aerei, catastrofi civili o ambientali e attentati di vario genere. Ama disinformare, avvisando i suoi accoliti dell’imminente distruzione dell’umanità. Tuttavia la sua vera specializzazione sono le chemtrail, diventandone il più grande divulgatore italiano

Di cosa si occupa Rosario Marcianò?

Di tutto. Non c’è materia in cui il «Rosarione in nazionale» non apra un dibattito, spiegando cause ed effetti. La materia però che l’ha portato sull’Olimpo del complottismo sono le scie chimiche, tant’è che sull’argomento ha scritto anche diversi libri. Per chi non lo sapesse, le famigerate scie sarebbero una cospirazione mondiale per irrorare i cieli di svariate sostanze velenose, microchip e medicinali scaduti negli ospedali. Quelle che Rosario e i suoi accoliti chiamano «chimiche», in realtà sono scie di condensazione: ovvero vapore con piccolissime tracce di carburante

Chi ha progettato tutto questo e a quale scopo?

Si tratterebbe di un complotto che vedrebbe coinvolti tutti i governi mondiali. Ovviamente i più potenti del globo terraqueo. Lo scopo sarebbe quello di ridurre la popolazione mondiale, con vari mezzi, tra cui armi segretissime capaci addirittura di scatenare terremoti. Tuttavia Rosario non si occupa solo di divulgare queste allarmanti notizie. Analogo discorso per l’arma segreta HAARP. Anche in questo caso era uno tra i principali divulgatori di tali stupidaggine. Non solo. Anche i fatti di cronaca come gli attentati terroristici in Francia, Inghilterra e Stati Uniti, sarebbero dei falsi attentati (fals flag) per farci credere tutto il contrario di quello che sarebbe (?).

Tanker Enemy

Il pluripregiudicato Rosario — più volte condannato per diffamazione — è un diplomato geometra che passa le sue giornate tra l’osservare gli aerei in transito dal suo terrazzo, al commentare su FB. Ha vari Pseudonimi, il più noto è “Tanker Enemy“. Più volte il buon Rosario ha diligentemente segnalato giornalisti come David Puente che lavora con Open e tanti altri debunker o presunti tali, per il solo fatto di aver contestato le sue assurde tesi.

Ma come vive il noto geometra?

Quali entrate consentono a Marcianò di condurre la sua continua battaglia contro i poteri forti? Semplice: con le continue donazioni dei suoi fan che credono a ogni sua parola, sui complotti più disparati. Dalle scie chimiche alle bufale sui vaccini, su cui non è l’unico a parlare (vedi art.), alle più disparate tesi. Chiede continuamente fondi per le sue “ricerche”.

La cosa impressionante è che tali fondi debbono essere abbondanti. Dato che il nostro eroe attacca tutti i “poteri forti”, dal “Nuovo Ordine Mondiale” (NWO) al gruppo Bildenberg, all’ONU, a tutti gli Stati sovrani. Eppure tutti questi potenti nemici non hanno ancora provveduto a eliminare questo terribile avversario. Le richieste di donazioni sono continue.

Il Bataclan e il ponte Morandi

Uno dei tanti cavalli di battaglia di Rosario Marcianò sono i “false flag” che girerebbero sugli attentati terroristici, in particolare quelli di Parigi. Un contenzioso con la famiglia della vittima più nota a noi Italiani (Valeria Solesin ) è ancora aperto. Tra l’altro in passato accumulò una serie di condanne resta indagato per altre vicende.. Imperterrito, tuttavia, continua ad attaccare ogni attentato. La sparatoria al Bataclan per lui sarebbe stata una simulazione. I morti erano manichini e Valeria Solesin sarebbe ancora viva.

Chi è Rosario Marcianò
Screenshot di un post di Rosario Marcianò pubblicato su Facebook

Chiariamo una cosa: nella propaganda capita che alcuni Stati, specialmente in tempo di guerra, falsifichino le notizie. Il problema di Marcianò però è che non indaga sui fatti, parte direttamente con sue personali convinzioni.

Soprattutto si crea moventi fantasiosi e surreali, quando non trova spiegazioni razionali capaci di spiegare perché ci sarebbero finte informazioni.

Anche la vicenda del ponte Morandi e l’attentato alle Twins Tower sarebbero dei false flag.

Chi è Rosario Marcianò
Rosario Marcianò è l’autore di queste frasi.

Sciacallaggio?

I maligni insinuano che Marcianò (che gentilmente fornisce spesso l’iban delle sue carte prepagate) possa speculare sulle disgrazie altrui.

In pratica per il solo fatto che abbia richiesto costantemente sovvenzioni parlando di varie disgrazie e sia stato puntualmente condannato per diffamazione, alcuni, sicuramente corrotti dai “poteri forti”, se non membri del NWO o semplici disinformatori si dedichino a disinformare negando le sue schiaccianti verità. Mi permetto di fare un paragone.

Con il massimo rispetto verso i Mormoni che sono una confessione cristiana, per cui le loro rivelazioni sono legate alla fede che è un fatto soggettivo, mi ricorda un po’ joseph Smith.

Con la piccola differenza che Rosario Marcianò non è ispirato da D-o, come, per i Mormoni, sarebbe Joseph Smith. Non ha trovato alcuno scritto perduto di cui lui solo ha la chiave di lettura. No, Rosario Marcianò non è un profeta, parla per sé basandosi esclusivamente delle sue “ricerche indipendenti”. No, Rosario Marcianò non è un profeta, vero o falso che sia, appartiene ad un’altra categoria: i venditori di fuffa (vedi art.).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: