Zainz e i componenti segreti dei vaccini

Zainz e i componenti segreti dei vaccini

Con le sue interviste home made, il cospirazionista canavesano spopola sui social con visualizzazioni record. Nelle ultime dirette, Zainz svela addirittura i componenti segreti dei vaccini

Zainz componenti segreti dei vaccini

Per i contro informatori del fake in Italy, niente vacanze. Questo è un periodo molto impegnativo per tutti quelli che nell’ultimo anno e mezzo si sono insigniti del titolo di professore, sfruttando la pandemia. Sono convinti di dare un servizio, ma la loro in realtà è solo una pericolosa disinformazione sui vaccini. Anche il noto cospirazionista canavesano non è immune dall’amato sensazionalismo e così si è conferito la specializzazione di giornalista. Ed è così che con le sue interviste, Zainz ha ottenuto decine di migliaia di visualizzazioni svelando al mondo la verità sui componenti segreti che ci sarebbero dentro i vaccini.

Da settimane seguiamo le acrobazie mediatiche di Achille Zaino, personaggio del quale ci siamo recentemente occupati nel nostro blog. Di lui abbiamo tracciato il profilo in questo articolo e svelato le peggiori intenzioni in quest’altro articolo. Con un numero sempre maggiore di spettatori, il neo giornalista sa come alzare l’audience delle sue ormai quotidiane dirette. Bisogna ammettere che Zainz sa come aumentare il pubblico del suo canale Telegram, non c’è che dire, godendo appieno della visibilità di centinaia di condivisioni. Ovviamente, come molti suoi colleghi agguerriti, quello di Zainz ha la pretesa di essere un servizio di pubblica utilità. Per questa ragione le richieste di donazioni ai suoi fan, nemmeno a dirlo, sono sollecitate puntualmente.

Zainz e gli scienziati «non asserviti al potere»

Zainz componenti segreti dei vaccini
Frame dell’intervista di Zainz, ospite il dott Massimo Citro

I personaggi che Zainz invita nelle sue dirette sono i massimi esponenti delle più rigide correnti negazioniste attualmente in circolazione. Generalmente gli ospiti sono pseudo scienziati, senza competenze specifiche, oppure persone ben lontane dalla scienza, dalla virologia o addirittura dai titoli spesso dubbi. Tra gli invitati ci sono anche medici i quali, come appena detto, si esprimono in materie estranee alle loro specializzazioni.

Si fa di tutto per dissociarsi dall’odiata «falsa narrazione mainstream», come fosse un infamante reato credere a chi ha le competenze opportune. Ed ecco che il carrozzone di chi sfila nel web con a seguito scimmiette con il piattino, ballerine fuori forma e lanciatori di odio, sono personaggi tutt’altro che rassicuranti. Per molti di questi la missione ossessiva è quella di screditare quelle che a loro dire sarebbero le «bugie promosse dai media di regime al servizio dei poteri forti». Così, come se stessero recitando un mantra, tirano in ballo l’ormai nota dittatura sanitaria.

Ed ecco che in questa grigliata estiva di professori “al cartoccio” ascoltiamo rallysti che parlano di virologia, psicologi che spiegano i segreti della biogenetica e domatori di fake intenti a disquisire le parole del virologo Burioni. E che dire di uno psicoterapeuta che spiega come la meccanica quantistica sia alla base del funzionamento di quei dannosissimi «preparati sperimentali», che per i novax sarebbero i vaccini? Lo psicoterapeuta si lancia addirittura nell’esposizione del complesso processo attraverso cui i vaccini ci relegherebbero alla condizione di esseri controllati a distanza, praticamente telecomandati, attribuendolo al fenomeno dell’entanglement quantistico. Chi ha studiato fisica è ora libero di rabbrividire per l’ennesimo uso improprio del termine «quanti, quantico, quantistico».

Gli esperti di Zainz

Già noti per la diffusione di fake news e assurde teorie cospirazioniste, finalizzate a screditare la scienza ufficiale, i suoi ospiti sono le star più acclamate dai novax. Le stelle cadute escono dalla noia del buio ogni volta che c’è l’opportunità di esibirsi, tornando in questo modo in auge con le teorie più strambe. Le cure e le terapie, frutto del progresso scientifico, per loro sono pericolose trappole allo scopo di peggiorare notevolmente le nostre condizioni di salute e le aspettative di vita.

Ma se si vuole difendersi da questa atrocità non c’è problema: bastano degli integratori, venduti come sani e naturali, a prova di sterminio. A questi personaggi diventati paladini della massa, mai nessuno chiederà loro di svelare gli ingredienti delle miracolose pillole. È scontato dirlo, ma è giusto ribadirlo per chi ancora non lo sapesse: ovviamente per questi “veggenti della cucchiara” i vaccini sono il male assoluto! Tra gli ospiti più illustri delle dirette di Zainz c’è stato anche il dott Massimo Citro. Di lui abbiamo già elencato le singolari tesi medico scientifiche, oltre che le vaste competenze in ambito omeopatico, quantistico e hameriano, in questo nostro articolo.

Zainz componenti segreti dei vaccini
Zainz intervista Domenico Biscardi durante una delle sue dirette in cui svela i componenti segreti dei vaccini

C’è tra gli amici di Zainz anche una vecchia conoscenza: Domenico Biscardi. Grande teorico del complotto delle scie chimiche, lo scienziato oggi si riscopre esperto in vaccini. Con un passato turbolento, riassunto in questo articolo de La Stampa, Biscardi ha smesso le vesti di anatomopatologo e si presenta come medico e chimico farmaceutico. Mah.

Biscardi contro Arcuri

Biscardi ci spiega come il grafene non sia occultato nel vaccino anti Covid, ma nei diluenti. Ci rivela inoltre la grande scoperta fatta da suoi recenti studi indipendenti nei quali le siringhe per vaccino, in realtà, nasconderebbero negli stantuffi uno dei tanti microchip di Bill Gates. Da questo — sempre secondo Biscardi — ne scaturì il prezzo spropositato che l’ex Commissario straordinario Domenico Arcuri pagò per l’incriminata fornitura di siringhe. Vicenda che fu oggetto di indagine, ma sulla quale i poteri forti collusi del sistema — secondo i novax e nocovid — avrebbero fatto silenzio sul misfatto.

Montanari contro Draghi

Zainz intervista Stefano Montanari durante una delle sue dirette

Nelle tante dirette, non poteva di certo mancare il celebre e acclamatissimo farmacista Stefano Montanari. Il microchimico ha ribadito che coloro che si inoculano il pericoloso siero genico moriranno tutti. O quasi. Ed è qui che si accenna al Grande Reset, una vaneggiante teoria cospirazionista secondo la quale le élite (non sappiamo quali) vorrebbero sterminare il 95% della popolazione mondiale. A questo punto Montanari avvisa il pubblico, con tono grave:

“Chi farà una sola dose camperà altri otto anni. Chi sceglierà di farne due avrà al massimo tre anni di vita”.

Arriva anche il momento in cui il farmacista sfida Mario Draghi in un faccia a faccia. Secondo Montanari il presidente del Consiglio avrebbe avuto l’ardire di spingere l’ignara popolazione inerme a vaccinarsi con dei «sieri genici mortali». Un reato gravissimo!

“Cosa ne sa mai Mario Draghi di vaccini? Non è mica uno scienziato?”.

Durante queste sue affermazioni, Montanari ha l’espressione avvilita dello scienziato inascoltato. Conclude infatti dicendo che tanto Draghi, come tutti gli altri convocati a comparire in un faccia a faccia nel corso degli anni, si sottrarrà al confronto poiché non ha il coraggio. Aggiunge dicendo che il presidente del Consiglio è conscio della figuraccia che farebbe, quindi non accetterà.

L’intervista finisce con l’invito rivolto agli spettatori della diretta ad acquistare i sani e naturali integratori venduti dallo stesso Montanari. Come in una televendita fatta alle 3 del mattino su “Fake Tv”, Zainz fa da spalla al farmacista con un inedito spot pubblicitario. I due arrivano perfino a decantare le straordinarie proprietà stimolanti e rinvigorenti per la libido di un certo prodotto, da mettere assolutamente nel carrello degli ordini on line nel sito di Montanari.

Zainz e i componenti segreti dei vaccini

Multi intervista per Zainz, una diretta con un numero di visualizzazioni altissimo di pubblico novax
Multi intervista di Zainz. Una diretta con un numero di visualizzazioni altissimo di pubblico novax

Non si può dire che noi di Dossier due punto uno non rispettiamo i nostri lettori. Ed è proprio per questo amore che ci siamo sacrificati per tutti voi, evitandovi la fatica di sorbirvi ore di dirette deliranti del neo giornalista Zainz. Ci siamo impegnati in un ascolto difficile da sopportare, a tratti estremamente irriverente per i morti Covid e per i loro familiari. Abbiamo sopportato l’irrazionale. Ci siamo subiti ore di quell’arroganza propria degli eterni secondi, di quelli che non credono che studiando si possa apprendere. L’ascolto di quanto di più assurdo le nostre orecchie, ancorate alla razionalità e alla logica del buonsenso, siano mai state costrette ad ascoltare. Nella diretta “Finalmente la Verità !!!!” (con ben 4 punti esclamativi) le visualizzazioni come potete vedere esplodono.

In questo circo fatto in casa, abbiamo seguito le teorie di biologi nutrizionisti, psicologi, psicoanalisti, farmacisti e altre figure delle quali il titolo di studio rimane tutt’ora oscuro. Gli ospiti di Zainz ci hanno parlato senza problemi dei pericolosi componenti segreti dei vaccini. Ovviamente non i componenti noti a tutti, ma di quelli occulti che «il sistema» ci nasconde per eliminarci tutti da questa matrix.

Zainz e Brigliadori: lo stesso pensiero

Quello che vale la pena evidenziare è come la narrazione cospirazionista sia cambiata nelle ultime settimane. Basandosi su studi irreperibili (ovvio) e su affermazioni prese nelle pagine meno attendibili del web, i novax non puntano più esclusivamente sul solito complotto. Adesso, a differenza di prima, la minaccia non è solo la pericolosa proteina Spike. Adesso il nemico si chiama ossido di grafene.

Eleonora Brigliadori durante l'intervista surreale che la voleva testimonial della campagna vaccinale per la Regione Abruzzo, e invece è diventata un grottesco show di delirio negazionista
Eleonora Brigliadori durante l’intervista come testimonial della campagna vaccinale per la regione Abruzzo

A fare da eco alle convinzioni di Zainz, c’è anche la “Briglia”. Ricorderete il recente video di Eleonora Brigliadori, santona ed attualmente eroina novax, la quale non appena intervistata per uno spot a favore dei vaccini per la regione Abruzzo sbroccò in un delirio imbarazzante? Ecco, la sua teoria è ora il tormentone ripreso allo sfinimento da tutta la galassia negazionista. Questa convinzione ricalca fedelmente gli stessi punti salienti delle verità che Zainz svela al mondo attraverso gli ospiti che intervista nelle sue dirette. Ed ecco che il nuovo mantra agostiano è che:

“Il grafene contenuto nei vaccini ci renderà dei controllabili e i vaccinati moriranno entro breve tempo.”

Sui tempi esatti del decesso però ognuno dice la sua

Come ti trovo il grafene nei vaccini

A quanto apprendiamo dagli esperti intervistati da Zainz — come detto prima — oggi la propaganda novax ruota tutta attorno all’ossido di grafene. Nessuno sa con esattezza cosa sia, ma è bello menzionarlo per sentirsi esperti del nulla. Ma tutto questo è dimostrabile. Difatti la prova della presenza del grafene nei vaccini è riscontrabile nel fenomeno del mac address del bluetooth. Cioè il magnetismo che ogni vaccinato emanerà, ecco spiegato — secondo i novax— il motivo per cui le monete si attaccherebbero ai nostri deltoidi, inoculati del pericoloso siero.

Secondo quanto affermano tutti gli pseudo esperti consultati da Zainz: il grafene sarebbe responsabile di questi strani fenomeni, dopo accurati esami di laboratorio. A quanto però sostiene l’esperto Biscardi, il grafene non sarebbe stato trovato nei flaconcini di vaccino esaminati, bensì sarebbe stato rinvenuto nei diluenti per vaccini. Diluenti questi ottenuti non si sa da chi, provenienti non si sa da dove e soprattutto come sarebbero arrivati. Astute le malvagie élite mondiali, non è vero?

Non solo grafene

Ma non è tutto. Ascoltando le interviste di Zainz che svelano al mondo i componenti segreti dei vaccini, scopriamo che c’è molto altro. Oltre al grafene — il quale ci renderebbe delle vere e proprie ricetrasmittenti umane, programmabili da remoto da occulte organizzazioni malefiche —, ci sarebbero altre terribili sostanze come il silicio e l’antrace. Ci sarebbe anche l’HIV, il veleno della lumaca di mare (lo stesso scopritore, Biscardi, non ricordava il nome scientifico: forse intendeva quello della Conus geographus n.d.r.) e ovviamente feti umani abortiti, acquistati al mercato nero.

Il dottor Nunzio, uno psicologo ospite di Zainz — molto esperto a suo dire in biologia molecolare, chimica, genetica, virologia, immunologia ed esami spettroscopici —, mostra al mondo un documento che, a suo dire, sarebbe compromettente. Nel documento shock sarebbero presenti altre terribili sostanze, rilevate dallo stesso Nunzio, scoperte esaminando il pericoloso “siero mortale”.

Uno stralcio degli esami genetici condotti da uno psicologo su un non meglio precisato campione di liquido che il medico dice essere vaccino
Uno stralcio degli esami genetici condotti dal dottor Nunzio, su un non meglio precisato campione di liquido che dice essere vaccino

Come ti radicalizzo la mentalità novax

La propaganda novax di personaggi come Zainz è martellante, ripetitiva e ossessiva. Lo scopo è evidente: minare la fiducia di quante più persone possibile verso la profilassi vaccinale. Con la loro disinformazione questi personaggi instillano nelle persone il germe della diffidenza nei confronti della scienza. Incutono anche paure immotivate e timori verso le strategie vaccinali: unica arma contro la pandemia. Personaggi come Zainz vanificano il faticoso lavoro fatto dagli scienziati e quello dei divulgatori, che da mesi informano la popolazione in modo etico, corretto e scientifico.

Plauso del pubblico che ha seguito una delle dirette di Zainz durante la quale si è svelato al mondo la verità sul contenuto dei vaccini

Zainz, come tutto il mondo cospirazionista, avvalla con estrema facilità una narrativa fantastica. Un mondo grigio come l’amianto in cui i vaccini avrebbero ucciso milioni di persone ma senza prove. Chi crede in questa pericolosa controinformazione lo fa con statistiche e “prove” prese da fonti tutt’altro che attendibili. Talvolta anche articoli giornalistici dai titoli fuorvianti fanno il loro gioco. Come ad esempio le dichiarazioni ambigue di alcuni personaggi del mainstream, il più delle volte ignari, si adattano alle loro pericolose convinzioni.

In questo modo tirandole per gli angoli e stirandole opportunamente, le “prove” si trasformano in prove inconfutabili dell’acutezza delle loro visioni distorte. Il virus, ad esempio, per personaggi come Zainz, per i suoi ospiti e per il suo pubblico, non esiste. Se esiste, non è pericoloso e tutta questa emergenza è stata ingigantita per scopi subdoli e turpi da sinistri poteri occulti.

Le statistiche che i TG ci nascondono

Come se non bastasse, i novax e l’intero mondo complottista citano studi mai pubblicati su fantomatiche riviste scientifiche. Si rifanno ad altisonanti nomi di esimi professori, il più delle volte sconosciuti. Di molti ricopiano anche male i cognomi, rendendoli impronunciabili anche a loro stessi. Lo fanno a supporto delle loro affermazioni, come se ce ne fosse bisogno. Tuttavia chi li segue non vuole prove, bensì cerca pretesti. Appigli su cui costruire attorno fantomatiche ragioni del loro diniego. Per loro c’è solo l’irriducibile rifiuto irrazionale di tutto ciò che rappresenta il progresso. Tutto il resto serve solo a giustificare le loro scelte scellerate, frutto di ignoranza, egoismo, e la profonda e radicata volontà di mantenersi tali.

Nei loro bollettini i morti sono tutti i vaccinati, ma i tg ce lo nascondono. I non vaccinati invece sono la «resistenza», fatta da persone sane, libere e informate. Purtroppo non sanno di essere alla mercé dei loro imbonitori. Sui gruppi social vengono aizzati ogni giorno, subendo un feroce abbrutimento con bugie e menzogne riguardo quello che i media di regime vorrebbero far loro sapere. Oggi più che mai queste persone si convincono di dover difendere la loro vita e quella dei loro cari.

I novax infatti sono addirittura costretti, contro ogni previsione, all’isolamento. Questo per evitare i vaccinati i quali, secondo loro, sarebbero gli infetti che diffonderebbero le varianti. Oggi, coperti dal ridicolo, sono loro a dover indossare le tanto odiate mascherine pur di non farsi infettare dai “punturati”, i quali si sarebbero fatti abbindolare dalla propaganda della dittatura sanitaria.

Le fonti, queste sconosciute

Rapita dalla propaganda negazionista, questa gente non andrà mai a verificare le fonti. Non saprà mai che il grafene non è contenuto nei vaccini. Che non vi sono cure oggi capaci di garantire a nessuno che una volta infettati si possa evitare un decorso grave della malattia. Nessuno di loro avrà voglia di capire perché ad oggi solo il vaccino è l’unica arma che il progresso ci ha reso disponibile per uscire, quanto più possibile, indenni da quest’emergenza. Una tragedia questa che oltre ad aver prodotto tanti morti ha anche portato a galla una cieca ignoranza pericolosa più del virus.

Una risposta a “Zainz e i componenti segreti dei vaccini”

  1. mi piacerebbe che uno come te di una ignoranza abissale si confrontasse con Montanari solo questo se avesse coraggio imparerebbe molte cose vada vada con burioni bassetti e altri virologi da strapazzo

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: